Riuscire a descrivere il nostro prodotto emozionando equivale a saperlo vendere... anche sui social

Le persone non acquistano più ciò che gli occore... semplicemente perché ormai hanno tutto, e allora comprano ciò che gli può dare emozioni.

Voglio parlarne con un Consulente

Un "post" ti rende Autorevole,
Esperto, il Migliore.

Le persone trascorrono tantisimo tempo sui social. Attraverso i post puoi costruire nel tempo una tua rispettabilità online che ti farà percepire in poco tempo come "familiare", competente ed affidabile. Sarà un ottimo modo per "preparare" il cliente a preferirti quando avrà bisogno di ciò che anche tu vendi.

I POST sui Social fanno Decollare la Tua Attività

Con i post su Facebook o Instagram diventi un esperto del Tuo settore, rafforzi la Tua AUTORITA' , metti nella testa delle persone il tuo prodotto.

"Postare" per Preparare la Vendita.

Con i Post puoi efficacemente creare una tua autorità online, quando le persone avranno bisogno di acquistare ciò che anche tu vendi... è molto probabile che lo comprino da chi reputano più "esperto". Considera “far girare” i tuoi post sui social come un'attività di “preparazione” alla vendita dei tuoi prodotti.

La scrittura di un POST capace di coinvolgere, interessare e convincere non è proprio semplicissimo, deve saper essere persuasivo ed emotivo... le persone non acquistano più ciò che gli occore.... sempliciemente perché ormai hanno tutto, e allora comprano ciò che gli può dare emozioni. Riuscire a descrivere il nostro prodotto emozionando equivale a saperlo vendere.

 

L'"apripista" dei Tuoi Post

Basta che un post sia ben fatto perché diventi automaticamente “virale” e raggiunga molti nuovi potenziali clienti? Sarebbe troppo bello e facile, non funziona così. La quasi totalità delle persone vedrà solo “scorrere” nella sua bacheca il tuo post per un paio di secondi e gli presterà pochissima attenzione.

Attrarre l'attenzione di una persona che “girottola” distrattamente su un social e “bloccarla” non è semplicissimo. La soglia di attenzione in generale è scesa moltissimo ma sui social, è davvero minima... la “lettura” è molto leggera e superficiale pertanto dobbiamo essere così bravi da scrivere le prime due righe del post in maniera attraente, coinvolgente e, se serve, anche un po' provocatoria. Saranno un irresistibile “titolo” “apripista” per la lettura dell'intero post.

 

Il Contenuto di un Post

Assodata l'importanza del titolo (che può anche essere semplicemente la prima riga del post), come si scrive un testo che sappia coinvolgere, incuriosire e conquistare l'attenzione di chi legge? C'è sicuramente chi ha doti di comunicazione innate e riesce a scrivere in modo persuasivo istintivamente, ma per tutti gli altri occorrono competenze di comunicazione persuasiva. Bisogna, in soldoni, sapere come “lavora” il cervello umano” e comprendere, prima di tutto, come poter cogliere la sua attenzione e come “farci ascoltare”, altrimenti si rischia davvero di “parlare al vento”. Non ti far sfuggire la non sottile differenza tra il farsi sentire, senza che realmente venga compreso ciò che diciamo (atteggiamento distratto e passivo), e farsi invece ascoltare (atteggiamento coinvolto ed attivo). Diversamente da come molti pensano, per produrre un testo efficace e persuasivo è ben più necessario aver chiaro i concetti base della psicologia piuttosto che avere un'ottima capacità di scrittura.

Considera che ognuno di noi nella giornata ha momenti più seri e più spensierati, più professionali e più giocosi... se non teniamo conto della condizione mentale che hanno le persone quando aprono un particolare social, NON possiamo creare testi adatti al contesto. Se ti parliamo di lavoro in ufficio probabilmente sarai attento, disponibile ed interessato ma se te ne parliamo mentre guardi la partita allo stadio ti romperemo certamente le scatole.

Spesso sui social vengono incollati testi estratti da pagine del sito e ripubblicati così come sono... non va bene! I testi redatti per il sito sono normalmente RISPOSTE, dirette e professionali, a domande fatte dall'utente interessato che probabilmente ha cercato delle informazioni su Google ed è atterrato sul sito. Chi “leggiucchia” per esempio su Facebook, invece, non sta cercando risposte ad una propria esigenza, tanto meno ha voglia di valutare un'offerta... capisci che non può andar bene lo stesso identico taglio comunicativo anche se l'argomento è il medesimo.

Sui social non dovremmo presentare o offrire un prodotto che in effetti non ci ha chiesto nessuno, ma potremmo invece raccontare qualcosa che possa far nascere l'esigenza verso quel prodotto. Se riusciremo a far pensare a chi legge che il nostro prodotto possa essere di suo interesse sarà lui, a quel punto, a cercare info sul tuo sito.

SUI SOCIAL SI CERCA DI FAR NASCERE UN'ESIGENZA DEL PRODOTTO, SUL SITO SI SPIEGA E SI PROPONE.

Ti sembra una dinamica complessa? Utilizziamo un esempio. Se smaltisci amianto, il testo che produrremo per le pagine del sito sarà incentrato sul confermare, a chi stava cercando quel servizio, che deve scegliere te perché lo effettui meglio degli altri, lo svolgi correttamente seguendo disposizioni e normative certificate, costi il giusto e sei disponibile al lavoro.

Se invece vogliamo promuovere quel servizio su chi “girottola” su un social, dobbiamo tenere presente che non parleremo a chi sta già cercando una soluzione al proprio problema, ma a persone che potrebbero averne bisogno senza saperlo o che, anche sapendolo, al momento non sono interessate. Dovremo spiegare quali siano le disastrose conseguenze di vivere a contatto con l'amianto, quali possibili soluzioni possano arginare il problema e quale possa invece essere la soluzione definitiva. Divulgare questa informazione creerà, anche in chi non ti cercava, la consapevolezza di avere un problema da risolvere. Oltre a far nascere l'esigenza del servizio, il post ti aiuterà ad aumentare la tua “autorità” professionale. Probabilmente le tue informazioni faranno comprendere, a colui che leggerà, che una cosa così importante sarà meglio affidarla ad uno “che ne sa”. A quel punto sarà il cliente stesso, persuaso dalla tua competenza, a cercare informazioni sul tuo sito.

 

Sei su un social... e Social sia!

Scrivendo un post “sociale” dobbiamo riuscire a creare una comunicazione che faccia in qualche modo “partecipare” chi legge stimolando una risposta, un punto di vista, un suo commento. Un modo che utilizziamo spesso è quello di esporre un concetto ponendo a chi legge delle domande: ti è mai capitato di... hai avuto esperienze simili su... come la pensi di questa cosa...

In effetti sei su un “social”, dovresti avviare una discussione più che scrivere una comunicazione monodirezionale.

Oltretutto questo “approccio” è MOLTO gradito anche dai social che promuovono spontaneamente i post che riescono a far partecipare gli utenti con i like ma anche con le condivisioni ed i commenti.

Questa “partecipazione” verrà rilevata dagli algoritmi del social che “premieranno” il post promuovendolo, non perché siano buoni ma semplicemente perché è loro interesse farlo: tutti i contenuti che allungano la permanenza delle persone, per il social, sono una risorsa.

Diventa un'autorità nel tuo settore sfruttando la potenza dei post sui social

I Social possono farti diventare una stara come distruggerti, dipende non solo da cosa dici ma da come lo fai.